La notizia, qualche giorno fa, che lo sciopero del 28 settembre nelle scuole era stato sospeso ha resuscitato i miei pensieri sul concorso per 11 mila e passa posti da insegnante nelle scuole pubbliche, che con tanta fatica avevo affogato nell’alcool…

Il Ministro Profumo si è vantato per mesi in tv per aver fatto qualcosa a favore del merito e dei giovani con l’ormai famoso “Concorsone”: 50% delle assunzioni tramite graduatoria e 50% tramite concorso aperto a tutti, così da permettere a qualche giovane meritevole di evitare 20 anni di precariato.

I Sindacati che proteggono i diritti di chi lavora nella scuola gridavano già allo scandalo e all’ingiustizia… Giusto, pensavo, perché è il loro lavoro, e quando capitano queste cose devono cercare di ottenere il massimo (in termini di punteggi, o meglio di una partenza avvantaggiata nella corsa) per i loro assistiti… e via di minacce di sciopero eccetera.

Però a tutti i livelli della società si assaporava già l’incredibile occasione, come giustamente (secondo me) dovrebbe essere un concorso pubblico di queste dimensioni…

POI, il 25 settembre, E’ USCITO IL BANDO, che stabilisce questi requisiti di ammissione: sono ammessi i laureati prima del 2002, tutti, o chi si è laureato dopo il 2002 e ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento. Insomma può partecipare al “Concorsone” chi ha più di 35 anni (perchè se ti sei laureato prima del 2002 oggi non puoi avere meno di 35 anni) o chi ha l’abilitazione. Controllate pure http://www.altalex.com/index.php?idnot=19365 e fate due conti…

Per chi non è molto esperto del settore inserire questi requisiti equivale a dire che il concorso lo faranno solo quelli iscritti alla graduatoria, con un paio di eccezioni:

– qualche “vecchio” (ultra 35enne) che vorrà provarci per sfizio o perché ha voglia di cambiare lavoro o per arrotondare col doppio lavoro, potrà farlo…

– tutti quelli iscritti alla graduatoria con meno di 35 anni e senza abilitazione, che già insegnano da precari da anni, che non hanno speranza di “entrare” tramite graduatoria perché agli ultimi posti causa giovinezza e poco punteggio (per la mancata abilitazione) dovranno cercarsi un altro lavoro o accettare non più 20 anni di precariato ma tutta la vita…

Poi c’è tutta la classe di laureati di eccellenza che invece dell’abilitazione hanno scelto e ottenuto master o dottorati universitari o esperienze all’estero o cavoli vari, che il Concorsone lo guarderanno dalla tv (come Bettega ai mondiali del ’82). Ma non esageriamo…

Improvvisamente Profumo in tv (perché continua ad andarci) cambia argomento; i sindacati ammutoliscono; gli scioperi…che scioperi??

Image

Mi chiedo perché non hanno direttamente preso i 23 mila insegnanti dalle graduatorie, evitando le spese di un concorso nazionale e soprattutto la presa per il culo architettata alla perfezione nei confronti di tutta la Nazione…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...